Introduzione

La stampa fotografica

La stampa fotografica

Oggi scrivo qualcosa relativo ad un argomento per il quale in tanti chiedono informazioni: la stampa fotografica dei files.

Io sono il primo a sostenere che le fotografie non vanno guardate sullo schermo ma devono essere stampate.

Anche in questo caso però, mi spiace dirlo, la maggior parte delle persone associa la qualità della stampa fotografica alle dimensioni del sensore.

Per quanto riguarda la mia piccola esperienza cadiamo di nuovo nel campo degli ‘inganni’ digitali

Pixels, dpi, e chi più ne ha più ne metta!

Vorrei quindi spiegarvi la stampa fotografica in modo semplice e, assolutamente, non tecnico anche se – come punto di partenza – sono costretto a darvi giocoforza un canonico punto zero.

Facciamo finta di essere degli ignoranti totali e andiamo quindi a leggere le raccomandazioni (relative alla stampa fotografica) di un servizio qualunque online che offre un buon rapporto qualità/prezzo.

La maggior parte delle stampanti professionali fotografiche lavora con una precisione di 300 dpi

Io fotografo con una Nikon D7100 che ha un sensore da 24MP e produce, pertanto, dei files di 6000×4000 pixels (pixel più, pixel meno).

Ne apro uno con GIMP e vado a visualizzare le informazioni relative alla stampa dal menu Immagine -> Dimensione di stampa

Latampa fotografica - Imposta risoluzione di stampa immagine
La finestra Imposta risoluzione di stampa immagine di GIMP con le dimensioni calcolate per una stampa ad una risoluzione di 300 dpi

Quindi – se mi dovessi fidare ciecamente del software – a 300 dpi io potrei fare una stampa di, circa, 50×30 cm.

Però, lo stesso servizio che afferma di avere delle stampanti che lavorano a 300 dpi, ammette che per una stampa fotografica bastano 150 dpi…

Quindi modifichiamo i dati relativi alla risoluzione nella finestra di GIMP.

La stampa fotografica - Scala immagine
Modificando la risoluzione a 150 dpi le dimensioni della stampa crescono in modo importante…

Portando la risoluzione a 150 dpi le dimensioni dell’immagine arrivano ad essere – per quanto riguarda il lato lungo – poco superiore ad un metro!

Poi – per la mia esperienza – vi dico che potete abbassare la risoluzione fino a 120 dpi e chi guarderà la vostra stampa fotografica non noterà nessun difetto!

Giusto per dovere di cronaca vi informo che portando la risoluzione a 120 dpi GIMP mi dice che posso fare una stampa con il lato lungo vicino ad 1 metro e trenta centimetri.

E… non finisce qui!

La stampa fotografica - Scala immagine
Aumentiamo le dimensioni dell’immagine al 150% di quelle originali.

Ora aumento le dimensioni dell’immagine al 150% di quelle originali ottenendo un file di 6000×9000 px (quindi VIRTUALMENTE sto simulando un sensore da 54MP!)

Utilizzo l’interpolazione cubica che è quella più gravosa, dal punto di vista del calcolo, ma mi garantisce la migliore qualità.

Fatto questo torno a verificare le dimensioni della mia stampa con una risoluzione di 120 dpi

La stampa fotografica - Imposta risoluzione di stampa immagine
Le dimensioni di stampa con il nuovo file al 150% di quello originale

Ora il lato lungo dell’immagine sfiora i 2 metri! ma vi assicuro che l’immagine finale stampata sarà assolutamente accettabile ad un osservatore normale (e con normale intendo una persona che guarda la fotografia da almeno un metro di distanza e non da due centimetri come amano fare quelli che io di fotografia me ne intendo!).

Non siete ancora soddisfatti?

Volete fare una stampa fotografica da appendere alla facciata del vostro condominio per dimostrare a tutti che avete un’attrezzatura fenomenale e che, di conseguenza, siete dei fotografi bravissimi?

Allora sfruttate tutte le potenzialità del digitale e fate degli scatti multipli da unire in post-produzione.

Trovate QUI un articolo che vi racconta di come ho scattato un panorama a Venezia dal campanile di San Marco.

Un panorama di Venezia fotografato dalla sommità del campanile di San Marco
Un panorama di Venezia fotografato dalla sommità del campanile di San Marco

In questo modo non avete praticamente nessun limite!

La foto qui sopra è stata ottenuta unendo insieme 5 scatti moltiplicando, quindi, la densità del sensore per poco meno di 5 volte.

Buona stampa!!

0 commenti su “La stampa fotografica

Vuoi lasciare un commento? Ne sarei felice!

0

Il tuo carrello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: