Maurizio Paglia

Introduzione

Crea un panorama con Hugin

Crea un panorama con Hugin

La realizzazione di una foto panoramica diventa necessità se abbiamo bisogno di un’immagine con una sufficiente risoluzione (ad esempio perchè dobbiamo fare una stampa di dimensioni generose) e non possiamo quindi ricorrere al ritaglio.

L’unione di più immagini (panorama o meno) è l’alternativa povera allo scatto unico realizzato con attrezzatura dotata di costosissimi sensori iper-densi di fotositi.

Questo articolo completa il mio articolo precedente Una Città Magica nel quale spiego come applicare un effetto fiabesco ad una fotografia panoramica di Venezia ma non mi soffermo sulla realizzazione tecnica del panorama vero e proprio.

Ad onor del vero potete trovare diverse foto panoramiche qui: una valle toscana alla fine dell’autunno, il tempio di Segesta a Trapani, e altre che raccolgo sotto la categoria Prospectus del mio portfolio.

La fotografia panoramica viene spesso snobbata mentre è un genere, soprattutto per quanto riguarda il paesaggio, che si avvicina molto alla naturale visione umana quindi dovrebbe essere proposta – a mio avviso – molto più spesso.

Con Hugin l’operazione di cucitura delle varie immagini è veramente rapida e precisa.

Vediamo innanzitutto come procedere con gli scatti.

Anche in questo caso non potete pretendere di ottenere risultati eccezionali partendo da scatti mediocri…

Impostate la macchina in manuale: è importantissimo assicurarsi che l’esposizione non cambi mai da uno scatto all’altro.

Hugin è in grado di gestire piuttosto bene le variazioni di luminosità ma fornendo degli scatti omogenei (a livello di luminosità) ci garantiremo una luce molto naturale.

Inoltre sarà molto frequente trovarsi davanti una scena illuminata in modo non uniforme (se fotografate un paesaggio non potrete mai spostare la fonte di luce!) e questo influirà sempre un po’ sul risultato finale in special modo se pensate di fotografare un angolo molto ampio.

Guardate come il sole influisce su questo panorama!

Gonfie nuvole estive si stagliano sull'orizzonte della salina
Gonfie nuvole estive si stagliano sull’orizzonte della salina

Per questo motivo (esposizione manuale fissa) fate sempre qualche misurazione preventiva prima di scattare perchè non vorrete certo trovarvi con qualche scatto sovra/sottoesposto, vero?

Il treppiedi non è strettamente necessario. Se il tempo di scatto ve lo permette potete tranquillamente scattare a mano libera.

Unico accorgimento importante: non inclinate la fotocamera verso l’alto o verso il basso in modo da non far comparire linee cadenti!

Infine, fate in modo che un terzo circa di ogni scatto sia sovrapponibile a quello successivo.

Dico un terzo perchè non c’è bisogno di applicare una complessa formula matematica. L’importante è che la sovrapposizione non sia troppo piccola perchè il software potrebbe non riuscire a trovare sufficienti punti di controllo. Anche una sovrapposizione troppo abbondante – per assurdo – porta facilmente a risultati non perfetti soprattutto per quanto riguarda la fusione della luminosità e la cucitura di immagini scattate con la macchina non proprio in bolla…

Schema di sovrapposizione per la corretta ripresa di un'immagine panoramica con scatti in orizzontale
Schema di sovrapposizione per la corretta ripresa di un’immagine panoramica con scatti in orizzontale

E poi ricordate che i panorami possono anche essere ripresi tenendo la fotocamera in posizione verticale! Questa modalità è sicuramente meno intuitiva ma in questo modo è possibile catturare immagini molto dense di pixel e, quindi, molto particolareggiate.

Schema di sovrapposizione per la corretta ripresa di un'immagine panoramica con scatti in verticale
Schema di sovrapposizione per la corretta ripresa di un’immagine panoramica con scatti in verticale

L’immagine di copertina è stata ripresa in questo modo (con la fotocamera in verticale)!

Le impostazioni da verificare

Le impostazioni predefinite vanno più che bene. In fin dei conti ciò che io voglio è che il software sia in grado di generare un panorama della migliore qualità possibile con il minor sforzo.

Assicuratevi soltanto quanto segue (vedi immagini)

Hugin (configurazione) - Assistente
Hugin (configurazione) – Assistente

Queste opzioni fanno sì che sia il software stesso ad allineare le immagini senza richiedere il vostro intervento diretto (che sarà comunque necessario nel caso in cui gli scatti abbiano poca area di sovrapposizione)

Hugin (configurazione) - Ricerca dei punti di controllo
Hugin (configurazione) – Ricerca dei punti di controllo

Nonostante Autopano-SIFT-C, almeno in teoria, sia il miglior programma per la ricerca dei punti di controllo, io ho avuto diversi problemi di qualità (strani allineamenti e sovrapposizioni poco precise).

Il motore CPFind di Hugin funziona alla grande. Utilizzate questo.

Hugin (configurazione) - Programmi
Hugin (configurazione) – Programmi

Verificate che i percorsi di enblend ed enfuse siano corretti.

Questi software aggiuntivi servono per allineare le immagini con precisione e si preoccupano di fondere correttamente le variazioni di fuoco e di esposizione.

Procedura per la cucitura delle immagini

Avviate Hugin e cliccate su Carica Immagini. Abbiate cura di rinominare i vostri files consecutivamente in modo che il software li carichi già nella giusta sequenza.

Hugin - Carica Immagini
Hugin – Carica Immagini

Selezionate i files da caricare e cliccate su Apri

Hugin - Apri files
Hugin – Apri files

L’assistente di Hugin inizierà la ricerca dei punti di controllo automaticamente. Questa procedura – soprattutto su PC datati – potrebbe essere piuttosto lenta.

Hugin - Ricerca automatica dei punti di controllo
Hugin – Ricerca automatica dei punti di controllo

A questo punto Hugin vi proporrà il panorama finito con una griglia per aiutarvi a verificare (ed eventualmente modificare) le linee verticali ed orizzontali. Se gli scatti sono stati fatti con cura non ci sarà bisogno di alcun intervento manuale. Il software propone, inoltre, un ritaglio che elimina le parti superflue delle varie immagini. I dati EXIV all’interno dei vari files forniranno i dati necessari per il riconoscimento dell’obiettivo al fine di avere una maggior precisione di fusione.

Hugin - Panorama assemblato
Hugin – Panorama assemblato

Cliccate sul pulsante Crea Panorama e lasciate che Hugin (in realtà enblend+enfuse) si occupi di regolare eventuali variazioni di esposizione. Cliccate quindi su OK per iniziare con l’assemblaggio vero e proprio.

Hugin - Creazione Panorama
Hugin – Creazione Panorama

La procedura di generazione del file finale sarà ancora più lunga di quella dedicata alla ricerca dei punti di controllo.

Rilassatevi ed aspettate (il sistema vi aggiornerà attraverso una finestra di dialogo dettagliandovi tutte le operazioni in corso).

Godetevi il risultato!

Il panorama finale
Il panorama finale

0 commenti su “Crea un panorama con Hugin

Vuoi lasciare un commento? Ne sarei felice!

0

Your Cart

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: